web analytics

Surf: Carlo Morelli eletto rappresentante delle discipline paralimpiche. Aperta a Frigole la sede della 3oceani Asd

Il mare e il surf in Puglia. Un connubio sempre più riconducibile al nome di Carlo Morelli. Il delegato regionale della Fisw (Federazione Italiana Sci Nautico Wakeboard e Surfing) è stato eletto rappresentante delle discipline associate paralimpiche, in seno al consiglio regionale del comitato italiano paralimpico pugliese.

Nei giorni scorsi il leccese classe ‘82 è stato eletto presso la sede del Cus di Bari dopo aver superato la concorrenza del candidato Aldo Lotito, presidente regionale di danza sportiva. L’assemblea elettiva è stata presieduta dal presidente del Comitato italiano paralimpico Puglia, Giuseppe Pinto. Un incarico prestigioso che rafforza la figura di quella che da anni è diventata una vera e propria istituzione nel panorama degli sport da tavola.

Il risultato elettorale è giunto a margine dell’apertura della nuova sede della 3Oceani Sport Center Asd, associazione presieduta da Morelli e ubicata a Frigole (Lecce) in piazzetta Alberti, 3. Si tratta di un campo-base riservato agli amanti degli sport da tavola.

L’attività relativa al surf da onda e al sup riguarda i bambini e i disabili, nell’ambito di un progetto più ampio che favorisce il turismo sportivo e la promozione del territorio salentino. “La nuova campagna tesseramenti ci ha permesso di prendere in affitto un locale che fungerà da centro di informazione sportivo-turistica – spiega Morelli -. Continueremo ad inculcare la mentalità di vivere il mare tutto l’anno per mezzo dello sport e dell’aggregazione sociale. Valorizzare le marine leccesi resta il nostro obiettivo primario. Ci stiamo impegnando nella campagna di sensibilizzazione sul tema dell’inquinamento marino, organizzando più pulizie delle spiagge – conclude – e promuovere in maniera più incisiva il surfing nelle scuole medie e superiori con lo scopo di promuovere l’agonismo”.

Oltre a Morelli, i tecnici federali della Asd 3Oceani Sport Center sono Alessia Raho e Angelo Verzini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.