web analytics

Pioppi e crowdfunding per decontaminare un’area vicino Parco Cimino

È l’iniziativa SailGP del programma #raceforthefuture per Taranto e un futuro sostenibile.

In vista dell’Italy Sail Grand Prix di Taranto del 5 e 6 giugno, il campionato di punta per i catamarani volanti F50, si concretizza l’iniziativa di biorisanamento che SailGP, attraverso #raceforthefuture (il suo programma che mira a un mondo alimentato dalla natura), ha concepito per offrire un contributo al futuro sostenibile del territorio tarantino.

SailGP, infatti, ha deciso di sostenere il progetto ‘Il vento in pioppo’ dell’IRSA-CNR e del Dipartimento di Biologia dell’Università di Bari in collaborazione col Programma ARCA (Ambasciatori di Ricerca, Conoscenza, Ambiente), finanziando la piantumazione di pioppi in un’area di Contrada Cimino-Manganecchia, nei pressi del Mar Piccolo; il sito, utilizzato da una ex fabbrica di armi nell’800, è diventato successivamente una discarica abusiva con sversamenti incontrollati di oli fluidi dielettrici, che hanno portato alla contaminazione da PCB (policlorobifenili) e metalli pesanti, potenzialmente dannosi per la catena alimentare e per la biodiversità di queste zone umide, ricche di aironi, cigni, anatre e trampolieri.

La piantumazione delle prime piantine – avvenuta alla presenza del sindaco di Taranto Rinaldo Melucci, del CEO di SailGP Sir Russell Coutts, dei professori del Dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di Bari Angelo Tursi e Roberto Carlucci, del dirigente tecnologo Vito Felice Uricchio, della ricercatricedell’Istituto di Ricerca sulle Acque del CNR Valeria Ancona e di Carmen Galluzzo Motolese, presidente del Club per l’Unesco di Taranto e dell’associazione culturale “Marco Motolese”  – sarà seguita da quella di ulteriori talee di pioppo nel marzo del prossimo anno, mese propizio per la piantumazione di queste piante. L’attività segue quella avviata negli anni scorsi dall’IRSA-CNR e dal Dipartimento di Biologia dell’Università di Bari che, sempre in alcune zone contaminate di quest’area (confinante con la Riserva Naturale Regionale Palude La Vela che include l’Oasi WWF e si sovrappone al SIC “Mar Piccolo”), hanno piantumato 600 talee di pioppo tra il 2013 e il 2015, verificando la completa decontaminazione di alcuni siti.

I pioppi, infatti, associano alla rilevante capacità di depurare l’aria (sottraendo all’atmosfera tra i 70 e i 140 litri di anidride carbonica ogni ora, cedendone altrettanti in ossigeno) quella di degradare i contaminanti organici e di rendere meno tossici i metalli pesanti, inibendo la contaminazione della falda. Il progetto, dunque, si fonda su una strategia sostenibile per la decontaminazione del suolo per aumentare la qualità dell’aria, del suolo e dell’acqua oltre che la resilienza dell’ecosistema del Mar Piccolo.

Dopo la piantumazione e i prelievi di campioni di terreno per valutare la qualità del suolo, SailGP ha lanciato anche l’attività di crowdfunding ‘Adotta un pioppo’ che promuoverà durante il suo tour mondiale: a fronte di una donazione su Produzioni dal Basso – prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation –  chiunque potrà adottare un pioppo nell’area, che verrà monitorato nel tempo dai ricercatori. Sull’albero sarà posta una targhetta in legno con il nome del donatore mentre, a quest’ultimo, sarà inviato via e-mail un attestato di riconoscimento come Ambasciatore di Ricerca, Conoscenza, Ambiente. Sarà anche possibile vedere l’evoluzione del progetto e la crescita dell’area piantumata attraverso foto e video, sui canali social del Programma ARCA e sul sito www.programma-arca.it nella sezione dedicata al progetto ‘Il vento in pioppo’.

“A Taranto – ha dichiarato il CEO di SailGP Russell Coutts, medaglia d’oro olimpica e cinque volte vincitore dell’America’s Cup – SailGP gareggerà per il futuro, sostenendo un mondo alimentato dalla natura e con l’obiettivo di accelerare la transizione verso l’energia pulita. Taranto è una città splendida che ha intrapreso un’importante transizione, adottando negli ultimi anni misure concrete per affrontare le sue principali criticità ambientali e trasformarsi in un ecosistema sostenibile. Sosteniamo pienamente l’impegno del Comune per la rigenerazione del territorio e siamo orgogliosi di far parte del loro percorso”.

“Quando abbiamo selezionato SailGP e abbiamo deciso di investire in una partnership duratura con la vela internazionale – ha ricordato il sindaco Rinaldo Melucci – non lo abbiamo fatto solo in considerazione degli aspetti connessi all’attesa ricaduta economica e di immagine. Abbiamo scelto l’organizzazione guidata da Russell Coutts perché nei valori di SailGP un ruolo cruciale è assunto dai temi della transizione ecologica, della neutralità climatica, di un modello di sviluppo sostenibile e resiliente, tutto quello che i cittadini ci hanno chiesto, in sostanza, di trasferire nella nostra azione amministrativa. L’iniziativa di oggi è un segno tangibile di questo sforzo, non banale, di coniugare una entusiasmante ed attrattiva competizione con i principi che stanno animando la trasformazione della nostra comunità. Non posso che ringraziare tutti i ricercatori coinvolti e soprattutto SailGP per questa sensibilità, sono ancora più convinto che legare il nome di Taranto a questa grande organizzazione sia stata una scelta assai felice, con questi pioppi certifichiamo l’impegno di tutti noi verso gli ecosistemi e il futuro dei nostri piccoli”.

Per maggiori informazioni: https://www.produzionidalbasso.com/project/il-vento-in-pioppo/

‘SailGP – powered by nature’ è il campionato velico che gareggia per un futuro migliore, promuovendo un mondo alimentato dalla natura. Competizione di punta per i catamarani F50, SailGP presenta squadre nazionali che gareggiano su percorsi brevi ed intensi, regate di tipo stadium racing sugli specchi d’acqua più iconici di tutto il mondo. Il vincitore della seconda stagione di SailGP riceverà un premio di un milione di dollari. Durante gli otto eventi della stagione, i migliori atleti della vela internazionale si destreggiano a bordo di catamarani F50 identici, ad alta tecnologia e velocità, capaci di superare i 50 nodi (circa 100 km / h).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *