web analytics

Pesca selvaggia, Pagliaro: “Finalmente il fermo per la motonave che rastrella il nostro mare. Violazioni gravi, avevamo ragione a denunciare”  

“Gravi violazioni a bordo: per questo è scattato il fermo amministrativo del peschereccio siciliano che dall’estate scorsa, con la tecnica del cianciolo, sta facendo mattanza nel mare salentino. Dopo oltre un anno di battaglie al fianco dei pescatori locali rimasti a reti vuote, ho invocato controlli serrati della Capitaneria di Porto, e nel giro di pochi giorni i militari della Guardia Costiera di Otranto e di Gallipoli hanno accertato infrazioni gravi sull’attività di pesca. Ora c’è un provvedimento di fermo amministrativo, a seguito del sopralluogo dell’ente accertatore da cui sono emerse infrazioni in materia di sicurezza e salubrità dei luoghi di lavoro. Se non avessimo acceso un faro sull’attività di questa motonave, avrebbe continuato ad agire indisturbata per rastrellare il nostro mare”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale Paolo Pagliaro, capogruppo La Puglia Domani.

“Alla luce di questi sviluppi, – aggiunge – si fa più urgente la necessità di discutere e approvare in Consiglio regionale la mozione che ho presentato a inizio ottobre e che impegna la Giunta regionale ad istituire zone cuscinetto nel mare del Salento e della Puglia, in corrispondenza delle secche dove i pesci si concentrano per riprodursi, per vietare lo stazionamento delle motonavi da pesca industriale. È questo, infatti, che accade, come documentato anche in un video che ho diffuso: le motonavi spariscono dai radar eludendo il rilevamento in mare, quando stazionano a profondità inferiori a quelle consentite per legge, dove intercettano interi banchi di pesce per poi portarli al largo con l’utilizzo di luci e sonar, in modo da poterli catturare in una sola retata. Anche intere tonnellate in una volta sola, con la trappola del cianciolo”.

“Tornando al peschereccio siciliano, – continua il capogruppo La Puglia Domani – dopo le multe per sosta in area non consentita e lo spegnimento del localizzatore di emergenza in mare, la Capitaneria di Gallipoli ha riscontrato a bordo gravi violazioni. Sono certo che i riflettori continueranno ad essere puntati su questa motonave, che non potrà tornare in mare fino a quando le prescrizioni elencate dall’ente tecnico di controllo non saranno ottemperate”.

“Ma la politica regionale – conclude Paolo Pagliaro – può fare la sua parte, per evitare vicende come questa: può alzare dei paletti istituendo le zone cuscinetto per fermare la pesca selvaggia, a difesa del nostro mare depredato e a tutela della pesca locale che dà da vivere a centinaia di famiglie. Ecco perché chiedo di approvare la mia mozione con urgenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.