web analytics

Nel segno della Speranza l’Agesci Puglia torna a riunirsi

Domenica 14 novembre l’Assemblea dei Capi Scout pugliesi.

Uno degli articoli della Legge Scout da cui i Capi si lasciano maggiormente ispirare nelle traversate più burrascose del proprio servizio recita: “La Guida e lo Scout sorridono e cantano anche nelle difficoltà”. Un principio, un valore, ma anche una sfida che, dinanzi all’emergenza sanitaria dalla quale ogni quotidianità è stata travolta, ha acquisito vigore fino a rendersi prioritaria.

Come si è tradotta questa sfida nell’impegno educativo dell’Agesci Puglia? Con la ricerca di una nuova rotta che avesse la Speranza come orizzonte e motore propulsivo, in grado di orientare educatori ed educandi, famiglie e territori verso un futuro ancora bello da vivere perché frutto di un presente tutto da riscrivere.

La prima fondamentale tappa di questa rotta fiduciosa è l’Assemblea autunnale dei Capi Scout pugliesi, che vedrà riuniti finalmente in presenza di circa 700 Capi in servizio nella nostra regione domenica 14 novembre presso il PalaFlorio di Bari. Un evento che non intende semplicemente assolvere agli obblighi statutari previsti dall’Associazione, ma che si anima del desiderio diffuso di riassaporare la gioia dell’incontro per mescolare voci, idee ed emozioni.

”Siamo felici di poter vivere questo importante momento di democrazia associativa incrociando gli sguardi dei nostri Capi oltre gli schermi. – dichiarano i Responsabili Regionali Marica Pastore e Antonio Intini – È un’occasione preziosa di crescita, confronto e convivialità, per questo non vogliamo sprecarla e abbiamo pensato, insieme a tutto il Comitato Regionale, di renderla ancor più costruttiva con la presenza di Johnny Dotti che rifletterà insieme a noi sul tema “Trasformare in opportunità la strada sulla quale siamo chiamati a camminare” ».

Un chiaro segnale che l’associazione pugliese, punto di riferimento per più di 10.000 tra bambini, ragazzi e giovani, lancia oggi con forza e decisione per dimostrare che nulla è andato perduto, che la rotta è in continua evoluzione e che l’equipaggio è sempre pronto ad ampliarsi per arricchirsi di competenze, carismi e sensibilità da spendere per costruire la società in cui davvero desideriamo vivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

View My Stats