web analytics

La Puglia protagonista a Cheese 2021. A Bra dal 17 al 20 settembre

La Puglia anche quest’anno è protagonista di Cheese, a Bra (Cn) dal 17 al 20 settembre, la più importante manifestazione internazionale dedicata ai formaggi a latte crudo e ai latticini, organizzata da Città di Bra e Slow Food, con il sostegno della Regione Piemonte e il patrocinio del Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali e del Ministero della Transizione Ecologica.

Il programma completo e la possibilità di prenotare gli appuntamenti è su cheese.slowfood.it.

Se nell’edizione 2019, Slow Food aveva fatto un ulteriore passo in avanti nella riflessione sul futuro dei formaggi di qualità, puntando sul tema Naturale è possibile e accendendo i riflettori sulla biodiversità invisibile fatta di batteri, enzimi e lieviti, quest’anno prosegue nella stessa direzione concentrandosi sugli animali, senza i quali non esisterebbe l’infinita biodiversità casearia che si può toccare con mano a Cheese. Con il claim Considera gli animali intendiamo approfondire diversi punti di vista: il nostro rapporto con loro, che ha segnato la nostra storia come esseri umani da sempre; la necessità di farli vivere bene, a partire dall’alimentazione e dai luoghi in cui si svolge la loro esistenza. Da quelli funzionali alla nostra alimentazione, come appunto le razze da latte per quanto riguarda i formaggi, a quelli solo apparentemente lontani dal nostro cibo, come gli impollinatori (e non parliamo solo di api), indispensabili per l’allevamento al pascolo.

Con Laboratori del Gusto, Appuntamenti a Tavola e il  Mercato dei formaggi, Cheese si conferma il palcoscenico perfetto in cui pastori, casari e affinatori raccontano, attraverso i loro prodotti, metodi produttivi che mettono al centro la qualità delle materie prime, il benessere animale e la tutela del paesaggio.

Dai formaggi Presidio Slow Food ai prodotti censiti nell’Arca del Gusto, dai progetti di filiera  fino alle Dop e a quei formaggi che un riconoscimento non ce l’hanno, ma sono elaborati da mani sapienti che restituiscono il carattere unico di erbe e fieni. Mani che ci narrano della cura per la terra, per gli animali, per caci e formaggi e che compongono un panorama variegato e irripetibile.

Lo stand della Regione Puglia e di Slow Food Puglia

La Puglia è presente a Cheese con un proprio stand e un programma di appuntamenti organizzati da Slow Food Puglia con il supporto di Regione Puglia e UnionCamere Puglia.

Due le tipologie di appuntamenti: la degustazione della diversità e ricchezza dei prodotti pugliesi come formaggi, ma anche salumi, pani, vini, grazie alla presenza del produttore; e gli incontri con i personaggi per raccontare il concetto di formaggi (e più in generale, prodotti) naturali. A questi si aggiungono anche i tecnici e gli esperti della Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus e di Slow Food Italia. Protagonisti, ovviamente, il territorio pugliese, i pastori, gli allevatori, i casari, i norcini, i fornai e i vignaioli con i loro prodotti. Non mancheranno i Presìdi Slow Food e le Comunità, dal Gargano al Salento passando dall’Alta Murgia alla Murgia Tarantina. Parleremo di masserie e di massari, un microcosmo completo, di transumanza e nessuno alimento più del formaggio, racconta meglio il destino transumante dell’uomo. Nessuna regione più della Puglia ha udito più storie di uomini e animali in movimento. Lungo i tratturi, storie antiche narrano le sorti di bestie e uomini, accomunati nella fatica dell’esistere. Attraverso i tratturi, infatti, si compivano le sorti di generazioni intere, si consumavano drammi e storie, si allacciavano relazioni. E il formaggio ne è il racconto interattivo.

Ecco gli appuntamenti delle diverse giornate.

Venerdì 17 settembre

ore 11,30, Inaugurazione dello stand con l’intervento di dirigenti Area Politiche dello Sviluppo Rurale Regione Puglia; Piero Sardo, presidente della Fondazione Slow Food per la Biodiversità ONLUS; Marcello Longo, presidente Slow Food Puglia

ore 13,30, La Puglia dei formaggi si presenta. Percorriamo alcuni dei territori della Regione con una guida particolare: i formaggi che su quei territori si producono

ore 16,30, Mozzarelle ovunque, ma quante senza fermenti industriali?

ore 19, Il formaggio della seduzione: la burrata

Sabato 18 settembre

ore 12,30, Laboratorio a favore delle regioni devastate dagli incendi. Pecorino del monte Poro – Calabria, pecorino siciliano – Sicilia, fiore sardo dei pastori – Sardegna

ore 14,30, Sua maestà la Manteca in Puglia

ore 16,30, Salumi neri: salsiccia e prosciutto di suino nero calabrese, salsiccia e prosciutto di suino nero dei Nebordi, salsiccia e prosciutto di suino nero della Valle d’Itria

ore 19, Stagionati dieci anni? é possibile: il caciocavallo podolico del Gargano e il pallone di Gravina, Presìdi Slow Food

Domenica 19 settembre

ore 12,30, Un latticino unico al mondo: la ricotta scante (ricotta forte)

ore 14,30, La transumanza pugliese

ore 16,30, Capocollo di Martina Franca. I produttori hanno seguito un percorso impegnativo per arrivare a salumi prodotti con carni locali e sostenibili e senza nitriti e nitrati.

ore 19, La sfida del naturale: formaggi e salumi di Puglia

Lunedì 20 settembre

ore 12,30, Considera gli animali. Esistono in Puglia razze da latte autoctone, in genere Presìdi Slow Food: impariamo a conoscerle assaggiando formaggi che si ricavano dal loro latte.

ore 14,30, Formaggio e miele. Abbinamenti di una selezione di formaggi e mieli pugliesi di varie essenze floreali.

Presìdi Slow Food

Non possono mancare i Presìdi Slow Food dall’Italia e dall’estero, simbolo dell’impegno di Slow Food a tutela delle produzioni locali che racchiudono storia, sapori e tradizioni da proteggere.

  • Pallone di Gravina – Caseificio Dicecca Stella
  • Pane dell’Alta Murgia – Giuseppe di Gesù
  • Caciocavallo Podolico del Gargano – Virginio Frumenzio

Laboratori del Gusto

Anche quest’anno tornano gli appuntamenti per chi vuole scoprire formaggi sconosciuti e lasciarsi guidare in abbinamenti davvero inusuali. Un’occasione unica per viaggiare in Italia e nel mondo, ascoltare le storie di casari e pastori, scoprire interessanti accostamenti e stupire il palato. Il tutto, ovviamente, cacio alla mano. Tutti i Laboratori del Gusto sono prenotabili online fino al 16 settembre e direttamente alla Reception Eventi nei giorni di Cheese:

Lunedì 20 alle ore 11, Naturale è possibile: i salumi alternativi

Che i salumi non si facciano solo con carne suina, ormai, lo sappiamo da tempo. quello che a volte non sappiamo è l’economia che sta dietro un salume, il perché si è scelto di produrlo con quel tipo di carne, e poi anche perché li si produce in quel modo, il significato dei salumi naturali.

I salumi ottenuti con carne bovina, ovina e caprina spesso hanno lo scopo di promuovere la pastorizia e le aree marginali, creando un reddito integrativo alla produzione di formaggi. I salumi naturali, inoltre, fatti senza nitriti e nitrati ma con il solo ricorso a conservanti naturali – come il sale, il pepe, il peperoncino, le spezie e il fumo – sono più salubri, oltre a rispecchiare pratiche di allevamento rispettose del benessere animale, e particolarmente attente all’alimentazione degli animali e ai loro tempi di crescita. Tra gli assaggi in questo laboratorio dalla Puglia la muscisca (strisce di carne essiccata) di vacca podolica, Presidio Slow Food e la muscisca di capra garganica, Presidio Slow Food.

Birrifici e Food Truck

Nel nostro tour ideale non può mancare una tappa nelle aree dedicate ai birrifici, alle cucine di strada e ai food truck, in piazza Carlo Alberto, presso il Cortile delle scuole maschili e in piazza Spreitenbach.. Dalla Puglia troviamo:

  • Birrificio Bari srl
  • Gruit Birrificio Biologico Artigianale
  • Food Truck
  • Quelli della Bombetta, Alberobello

Mercato

Passiamo ora ai veri protagonisti della manifestazione: i caci provenienti da tutto il mondo, a totale disposizione dei palati più esigenti e curiosi nel Mercato italiano e internazionale, distribuiti tra le piazze e le vie della città. Qui troviamo formaggi di ogni tipo, forma, dimensione, stagionatura, a pasta molle, dura, filata, pressata, ma anche mieli, confetture, mostarde… Oltre ai produttori, possiamo conoscere gli artigiani della ormai storica Via degli affinatori e dei selezionatori.

Prodotti caseari

  • Azienda Agricola Molino a Vento
  • Azienda Agricola La Cava Verde
  • Azienda agricola dott. Giuseppe Bramante
  • Azienda Agricola Dicecca Stella

Frutta e derivati

  • Azienda Agricola Biologica Pietrasanta
  • Società Agricola Agriventura

Carne e salumi

  • Capocollo di Martina Franca – Collettiva Puglia – Salumificio Santoro

Pane e prodotti da forno

  • Panificio Fratelli di Gesù

Olio

  • Frantoio Oleario Cassese, Villa Castelli (Br)

Partner e istituzioni:

  • Slow Food – Regione Puglia
  • Parco Alta Murgia – Slow Food Murge

Cheese, la manifestazione internazionale dedicata alle forme del latte, si terrà a Bra (Cn) dal 17 al 20 settembre 2021 ed è organizzata dalla Città di Bra e da Slow Food con il sostegno della Regione Piemonte e il patrocinio del Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali e del Ministero della Transizione Ecologica.

Considera gli animali è il tema della tredicesima edizione, un focus sul regno animale e la varietà di connessioni con le azioni dell’uomo. Senza di loro infatti non esisterebbe l’infinita biodiversità casearia che tocchiamo con mano ogni due anni a Bra. Straordinaria già oggi l’attenzione nei confronti dell’evento – che si garantisce con il consueto programma, nella massima sicurezza – sia da parte dei protagonisti di Cheese che da parte del mondo della ristorazione e dell’ospitalità del territorio. Cheese 2021 è possibile grazie al supporto di moltissime realtà, pubbliche e private, che credono in questo progetto. Tra tutte, ringraziamo i main partner: BBBell, BPER Banca, Consorzio del Parmigiano Reggiano, Egea, Pastificio Di Martino, Quality Beer Academy (QBA) e Reale Mutua; la Fondazione CRT e la Fondazione CRC per il loro contributo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.