web analytics

Covid: Damiani (FI), “Preoccupa impossibilità di eseguire tamponi in studi medici e farmacie Puglia”

“A conferma dell’ennesima sciagura compiuta dal duo Emiliano-Lopalco ai danni del sistema sanitario pugliese, e quindi di tutti i cittadini, in un momento di grave emergenza come quello attuale, arriva l’ultima denuncia dei medici di famiglia e dei farmacisti che con sconcerto scrivono all’assessore alla Sanità Lopalco, ma sarebbe più corretto “sedicente” assessore, vista la sua totale e incomprensibile assenza su fatti e atti concreti nella gestione del suo ufficio, denunciando l’impossibilità di eseguire sia i tamponi rapidi nei propri studi che i test antigenici nei Covid Point delle farmacie a causa della mancata attivazione da parte della Regione Puglia della piattaforma informatica per le prenotazioni e la comunicazione degli esiti dei tamponi. E ciò nonostante siano trascorse ormai settimane dalla firma dei rispettivi accordi fra le rappresentanze delle categorie e l’assessorato regionale che, data la situazione drammatica della Puglia in questa seconda ondata di contagi, dovevano essere immediatamente esecutivi e urgenti per consentire la massima tempestività dei tracciamenti”. Così, in una nota, il senatore pugliese Dario Damiani.

“Purtroppo invece – aggiunge – finora qualcuno dorme sonni tranquilli in Regione, o forse preferisce la sua nuova carriera di presenzialista in televisione, permettendosi il lusso di non attivare gli strumenti indispensabili per tentare di arginare la diffusione del Covid-19, mentre abbiamo la percentuale più alta in Italia di test positivi e il sistema sanitario è al collasso. A fronte di operatori sanitari responsabili come i medici di base e i farmacisti, che mettono a disposizione la propria rete capillare per andare incontro alle necessità di tutela della salute dei cittadini, i vertici regionali sono latitanti. Dire che si tratta di una gestione indecente e indegna della sanità regionale è persino riduttivo. Perciò ribadisco la necessità, ormai indifferibile anche alla luce di quest’ultima gravissima omissione di atti relativa ai tamponi rapidi, di un intervento ministeriale che accerti ogni responsabilità”.

Start typing and press Enter to search